Speed 3

Ricordate il film "Speed" e il seguito "Speed 2"? Per chi non li avesse mai visti, erano dei film che avevano a che fare con la velocità. Nel primo trovavamo gli altisonanti nomi di Keanu Reeves, Sandra Bullock e la buonanima del grande Dennis Hopper scomparso da pochissimo. Nel secondo invece c'era sempre Sandra, ma in compagnia di Jason Patric e Willem Dafoe.

Nel primo capitolo la scena madre vedeva i protagonisti a bordo di un autobus che non poteva rallentare, altrimenti sarebbe esploso. Nel secondo capitolo (uscito per cavalcare l'onda del primo, ma che sicuramente se non fosse uscito nessuno ne avrebbe sentito la mancanza) vedeva i protagonisti che con lo stesso meccanismo non potevano far rallentare una gigantesca nave da crociera.
Non c'era bisogno di un terzo capitolo, ma l'Italia è un paese cinematograficamente avanzato ed allora l'attore e regista Flavio Tosi (che è anche sindaco di Verona, ma sicuramente lo conoscerete di più per film del calibro di "Nonna Papera d'avanti e di dietro tutti quanti" o "Gambadilegno Pietro, una mano avanti e l'altra dietro", altro che Troy McClure dei Simpson) insieme a due persone della sua scorta personale ed alla sua auto blu, ha deciso di girare sull'autostrada serenissima da Verona a Brescia la terza parte di questo grande classico del cinema americano, fatto di effetti speciali e suspance.

L'auto del sindaco veronese è stata beccata dal sistema tutor, la velocità media rilevata è di 190Km/h circa, poi è stata fotografata in sosta vietata e beccata con un adesivo inneggiante alla Padania libera che copriva parte della targa.

Ieri su Radio24, Giuseppe Cruciani ha ben pensato di intervistare il regista, attore e sindaco prima della proiezione del film tanto atteso.

Il sindaco Tosi si è così difeso in diretta radio dicendo più o meno queste cose:

1) La mia auto blu non è dello stato, ma è concessa in comodato d'uso gratuito da un mio amico che ha una concessionaria di auto. Questo permette allo stato di risparmiare e al mio amico di fare pubblicità a qualunque cosa, dalla sua concessionaria, alla Padania libera, passando per le Pringles e la Levissima, e se vuole anche i Chupa Chups.


2) Non ero io al volante, ma la mia scorta. Due agenti armati e in servizio che decidono in base alle circostanze a che velocità andare. In casi di emergenza è infatti prevista la possibilità di superare i limiti di velocità e di parcheggiare nel posto più vicino alla persona scortata per evitare allo stesso minacce alla sua incolumità. Siccome io siedo dietro e non avanti mi lascio trasportare e non mi interessa a quale velocità viaggi l'autovettura che mi trasporta.

Questi sono stati i due motivi addotti per giustificarsi.
Ma perchè il sindaco Tosi deve giustificarsi? E' stato multato, ha pagato e stop no?

Eh no! Perchè il caro sindaco ha annullato la multa, non ha pagato un centesimo e ci teneva a precisare che non era tenuto affatto a pagare.

Spontanee mi sorgono delle considerazioni:

1) L'auto blu sarà pure dell'amico venditore d'auto leghista, ma secondo il codice della strada è obbligatorio che la targa del veicolo sia ben visibile per evitare qualsiasi tipo di incidente (reale o diplomatico che sia) e quindi la prima giustificazione è quantomeno ridicola.


2) Il sindaco Tosi sa bene che le consuetudini non sono leggi, ma vuole farci credere che la consuetudine di questi autisti/agenti di correre a velocità folli, facendo manovre da ritiro della patente, siano ad ogni modo soggette a giustificazioni. Purtroppo non è così. Se non c'era una bomba sulla serenissima, se l'auto non era inseguita da una uno bianca con dentro brigatisti pronti a fare fuoco su Tosi, l'auto non doveva andare a 190Km/h di media... E c'è poco da giustificarsi.


Ma purtroppo l'Italia è un paese cinematograficamente avanzato e quindi ci tocca pure vedere come un classico del cinema americano, un film d'azione, un film adrenalinico, debba non solo essere riproposto, ma anche in chiave comica... E a noi tocca assistere inermi alla proiezione di questo ennesimo cinepanettone fuori stagione.
Comincio ad avere mal di pancia.

Chissà cosa ne pensa Gianni Morandi...

11 commenti:

Sandro ha detto...

Insomma vuoi mettere: gli scappava la pipì e voleva rientrare a casa. Più incolumità di questa? Se gli scoppiava la vescica, gliela rimontavi tu?

Valente il ragazzo diffidente ha detto...

Secondo me, era inseguito dal suo cervello... e terrorizzato stava scappando. Poverello!!

Dada ha detto...

ma pure la scorta la paga l'amico concessionario?
ma soprattutto, cacchio se ne fa il sindaco di verona della scorta?
sarà una questione di bilanciamento di immagine? tipo che se vai in giro col bollino da idiota appiccicato sulla targa, poi in qualche modo devi pur darti un tono?

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

dopo il pessimo speed 2, del 3 ne facevamo anche a meno. però vabbé, allora grazie tosi!

contessa miseria ha detto...

Rosp sei proprio un para-glutei ( visto che chic_cheria :-))
..l'Italia è un paese cinematograficamente avanzato..bella questa! Diciamo che beautiful ci fa un baffo...

Tyler Durden ha detto...

hahahahaha! fabio tosi è un m-i-t-o
una sola pregunta: ma è peggio lui o le decine se non centinaia di migliaia di veronesi che l'han votato?

rotellaro ha detto...

a personcine di questa statura morale posso solo augurare che un giorno i bodyguard vadano fuori di testa e decidano di suicidarsi piantando l'auto blu a 190 km/h dentro un'autobotte piena di piscio di mucca (che dopo la merda di maiale è la cosa piu' ributtante che abbia mai sentito in vita mia).

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Ragazzi mi avete fatto spanzare! Specie i due ultimi terroristi, ma anche i primi commenti di Sandro e Valente.

Contessa lei è l'incarnazione della chiccheria.

Quanto a te Dada hai pienamente ragione... E' un meccanismo automatico quello del bollino!

Nova Express ha detto...

miinchia, sono arrivati a fare anche queste cagate! pensa cosa fanno dove non hanno un 'tutor' sopra la testa!

http://isupereroialpotere.blogspot.com/

Daniela ha detto...

Tutte bufale... la verità è che era inseguito da una nave aliena e, dopo la cattura, gli hanno impiantato una memoria fasulla. Procedura semplice, dato che l'hrdware era vuoto.

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

ahahaha... Daniela balza in testa!